DIVENTARE GENITORI

Mentre allattavo la mia piccolina, dentro di me ho sentito di amarla! Non che prima non la amassi, ma come tutti i sentimenti, credo che anche l'amore verso un figlio debba crescere e maturare.

Mi ricordo la prima volta che diventai genitore della mia Aurora: ero lì stesa su un lettino in sala operatoria con tanta voglia di dormire ed un faccino di cui ricordo solo le bollicine che faceva con la bocca...perchè il resto è offuscato dal sonno.
Tornata a casa ero impegnata dall'aspetto pratico della gestione della mia piccolina, ma il seme dell'amore era stato piantato. Un giorno, non vi so dire quale fosse di preciso, so che mi sono resa conto che senza di lei non avrei potuto esistere; senza mia figlia la vita sarebbe stata forse più semplice, ma anche più vuota. Con questo non voglio dire che chi non ha figlia abbia una vita vuota, sono due stili di vita differenti! Era la MIA vita che sarebbe stata meno ricca!

Ed oggi, guardando colei che ha reso Allegra la nostra vita per un'altra volta, ho sentito che la mia preoccupazione maggiore non era più quella di: "oddio ha mangiato abbastanza" "oddio cos'ha", ma la mia preoccupazione maggiore è quella di amarla!

E' come quando ci si innamora di qualcuno: ci sono i colpi di fulmine, e ci sono quelli che impiegano anni per capire che il vero amore ce lo avevano sotto gli occhi! Bè io appartengo al secondo tipo: se pensate che per capire che mio marito era l'uomo della mia vita ho impiegato 12 anni di amicizia...direi che con le mie figlie ho migliorato i tempi!

4 commenti

  1. Brava, Alba! Mi ha commosso con le tue riflessioni affettuose, Miria xx

    RispondiElimina
  2. Sembro "pirla"...ma ho il cuore tenero!

    RispondiElimina
  3. Pensa che bello quando le tue figlie saranno più grandi e potranno leggere e capire questo post...!

    RispondiElimina